mercoledì 12 dicembre 2018     •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
     
 
   Elenco Progetti Riduci

Tutorial:
Kap facile? Easy Kap?

Acrobatici/ Stunt Kite:
Micro-Tec
Micro-Tec 2007
Nik-Olà

Statici/One line:
Ghosty

Combattenti/Fighters:
Pakistano

Varie e curiosità:

Presentazione

Kite Gen

Aquiloni griffati
 

 

 

 
 
     
     
 
   Combattente Pakistano & variante in Spynnaker e vetroresina Riduci

fighters[1].jpg   

 

Questo aquilone è poco più grande del combattente indiano. Ha la coda più grande ma la stessa manovrabilità. Non è facile pilotarlo ma con un po’ di pratica risulta molto divertente. È importante non sottovalutare la necessaria precisione nel costruirlo, se è già difficile manovrare un modello ben costruito, diventa impossibile controllarne uno realizzato male.

I cavi dovranno essere in cotone (filo da cucito più o meno leggero). Vietati fili vetrati o in kevlar. La briglia può essere cambiata a piacere. Il telaio dovrebbe essere in bambù ma và bene anche la canna comune. Per la vela è ottima la carta velina sia per leggerezza che resistenza.

telaios.jpg         velas.jpg        codas.jpg

Da una canna comune o di bamboo ricaviamo dei listelli di circa 5 mm. x 2,5 mm. tagliamo la spina (61 cm) e la traversa (84 cm non curvata) che andrà assottigliata alle due estremità per circa 18/20 cm. Per facilitare il lavoro fissiamo la spina con la traversa che poi piegheremo ad arco con un filo che toglieremo in seguito. Applichiamo ora il filo perimetrale e facciamolo passare 2 o 3 volte intorno alla traversa come da disegno per evitare che passi all’interno della sua parte terminale. Ora stendiamo su un piano un foglio di carta velina ed incolliamoci sopra soltanto la spina del telaio. Pieghiamo ed incolliamo i bordi sul filo perimetrale e irrobustiamo con della carta argentata tutti gli angoli nonché il punto A che sarà il punto di attacco basso della briglia.

 

Girate l’aquilone ed incollateci sopra la coda che avrete realizzato sempre con la carta velina.La parte superiore della briglia va annodata nel punto d’incrocio tra spina e traversa quella inferiore sulla spina in corrispondenza del punto A. Fate in modo che la briglia sia regolabile (fissateci un cappio con un nodo di prusik. Fate attenzione alla distribuzione dei pesi se incollate altri strati di carta per creare un disegno.

 

 

 

L'unico punto a sfavore di questo e di quasi tutti gli aquiloni combattenti è che non si chiude per il trasporto ed è molto fragile. Ne abbiamo perciò realizzato uno in spinnaker e vetroresina che si può smontare e  ve ne proporremo il progetto quanto prima, sperando che i... "puristi" non storcano il naso  :-) :-)

 

  fighters.jpg

 

 
 
     
     
 
   I Nostri Aquiloni Riduci

    Aquiloni statici   
       Acrobatici         
                  Micro-